Cosa significa Kosher?

kosher significatoKosher è un termine della religione ebraica che vuol dire “adatto”. Si parla in generale di alimenti e bevande che rispettano le leggi stabilite dal Casherut, l’insieme delle regole del popolo ebraico che riguardano l’alimentazione.

Il Casherut raccoglie regole molto complesse e derivanti da diverse disposizioni bibliche, che devono essere rispettate da tutti gli osservanti della religione di Abramo.

Quando un alimento o un piatto è kosher può essere consumato dagli ebrei senza tipo di problemi. In caso contrario non può essere consumato.

Kosher secondo la provenienza dell’alimento

Carne

Gli appartenenti alla religione ebraica non possono consumare cibi che provengono dagli animali a zoccolo non diviso o che non ruminano. Sono quindi esclusi tutti gli animali carnivori, e tutti gli animali che non hanno il cosiddetto zoccolo fesso, ovvero diviso in due parti.

Sono kosher:

  • i bovini, inclusi i vitelli
  • gli ovini: pecore e castrati
  • le capre

Non sono invece kosher:

  • i maiali: non hanno lo zoccolo diviso
  • i cavalli: come per i maiali non hanno lo zoccolo diviso
  • i conigli: non hanno lo zoccolo
  • i carnivori: non sono ruminanti

Prodotti del mare

Anche per quanto riguarda i prodotti di mare, sono in vigore restrizioni che riguardano le caratteristiche fisiche dell’animale.

Sono consentiti tutti i pesci che hanno squame e pinne, mentre non sono consentiti i prodotti del mare che non hanno squame, ma un esoscheletro, come i crostacei (aragoste, granchi, scampi) e i frutti di mare (cozze, vongole e altri animali di questo genere).

Prodotti che non si possono mischiare

Non tutti gli alimenti kosher possono essere consumati nello stesso pasto. Anche la combinazione di due alimenti che rispettano le regole del Casherut possono dare luogo a piatti che non possono essere consumati dagli osservanti.

Non si possono consumare nello stesso piatto prodotti del latte e prodotti della carne, in nessun modo. Per questo motivo non troverete mai in un ristorante kosher, per fare un esempio, una lasagna, o una bruschetta prosciutto e mozzarella.

La macellazione

La macellazione kosher segue determinate regole, che sono concepite principalmente per eliminare il sangue dalla carne che si andrà a consumare. Si ritiene infatti che il sangue contenga la vitalità dell’animale e non può essere, per questo motivo, consumato in alcun modo.

Le carogne

Sono carogne tutti quegli animali che sono morti per cause non derivanti dalla macellazione. Questi non possono essere consumati in alcun modo, neanche in caso di necessità estrema.

La carne, per essere lecita, deve provenire esclusivamente dalla macellazione.

Il vino

Al contrario dei musulmani, gli ebrei possono consumare vino. Si tratta anche in questo caso di vino che viene preparato secondo le tradizioni raccolte nel Casherut. Deve essere maneggiato, ad esempio, soltanto da ebrei. Il vino tradizionale che troviamo in tutte le enoteche e  i supermercati non è in genere kosher.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Chesignifica.net è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons